Stai leggendo - All'ombra del monolite - il blog di Francesco Russo

In missione contro le distrazioni per proteggere aziende e persone dagli effetti negativi dell'economia dell'attenzione

Epifania del Signore, festa della befana

Francesco Russo, consulenze per gestire gli effetti negativi dell'economia dell'attenzione, workhaolism, burnout, information overload, nomofobia, multitasking, stress e infodemia, attraverso la metacognizione per il benessere digitale

Pagina pubblicata in data 6 gennaio 2022
Aggiornata il 6 gennaio 2023
Tempo di lettura: il tempo necessario a capire le cose

"L'Epifania tutte le feste porta via" recita l'adagio. L’Epifania del Signore è una festa cristiana che celebra la manifestazione della divinità di Gesù Cristo all’umanità. La parola in greco significa "apparizione" ed è una parola da sempre collegata alla manifestazione di una divinità.

In Occidente si festeggia il 6 gennaio ed è legata alla visita dei "Magi", mentre in Oriente si festeggia il 19 gennaio, ed è legata al battesimo di Gesù.

Il Vangelo di Matteo racconta il viaggio fatto dai Magi, i quali, seguendo una stella giungono a Betlemme per adorare il bambino Gesù.

Nel Vangelo non si fa riferimento al numero dei Magi, né ai loro nomi (Melchiorre, Baldassarre e Gaspare). Mentre si citano i doni. L'oro, simbolo di regalità, l’incenso, riferimento alla divinità, e la mirra, resina aromatica utilizzata nell’antico Egitto per le imbalsamazioni, presagio del sacrificio di Gesù sulla Croce.

Anche la cometa sarebbe il frutto della tradizione: nel Vangelo di Matteo si parla genericamente di una stella.

La festa pagana

Il 6 gennaio non si festeggia solo l'Epifania, ma si celebra anche la festa della "befana". Si tratta di una figura popolare tipicamente italiana, poco conosciuta nel resto del mondo, che affonda le sue radici nei riti propiziatori pagani legati al solstizio d’inverno e al raccolto dell'anno nuovo. Secondo la leggenda, la vecchietta, che durante l’anno abita nelle caverne, a cavallo di una scopa magica nella notte tra il 5 e il 6 gennaio scende per i camini o giù dalle cappe per portare dolciumi ai bambini buoni e carbone invece a quelli più monelli.

Alcuni ricercatori datano l'origine di questa festa al X secolo a.C. (si tratta di un'ipotesi dibattuta). Si concorda sul fatto che nel corso del VI secolo a.C. entrò stabilmente all'interno dei riti propiziatori pagani, rappresentando una sorta di personificazione della natura, o, più specificamente, dell'avvicendamento delle stagioni. In sostanza, la si celebrava nella speranza che l'inverno fosse seguito da raccolti abbondanti e viene da qui la sua iconografia: una vecchia con le vesti logore che è pronta, appunto, a cedere il passo a un nuovo ciclo naturale.

Questo tipo di celebrazione quando venne in contatto con l'antica cultura romana, fu quasi sicuramente integrata all'interno del pantheon politeista. In questo contesto, spesso la figura della vecchia è stata identificata con la figura della dea Diana (la dea lunare della caccia e della vegetazione).

Nelle dodici notti successive al solstizio d'inverno, in un periodo dedicato alle celebrazioni per la rinascita della natura, si credeva che misteriose figure femminili volassero sui campi per propiziare i futuri raccolti, guidate per l'appunto da Diana o da Sàtia (una divinità minore legata al concetto di sazietà). Il mito della "donna volante" sul manico di scopa sarebbe nato da qui.

La figura femminile della vecchia è anche la metafora di Madre Natura, che oramai secca, è pronta a essere bruciata, per poi rinascere dalle sue ceneri. Associata a questa versione si racconta che prima di morire l'anziana signora passava a distribuire le sementi da piantare durante l’anno successivo.

In molte regioni italiane, in questo periodo, si eseguono diversi riti purificatori durante i quali si scaccia il maligno dai campi grazie a pentoloni che fanno rumore o si accendono imponenti fuochi. In alcune aree, si costruiscono addirittura dei fantocci di paglia a forma di vecchia che vengono bruciati durante la notte tra il 5 e il 6 gennaio, affinché come una fenice, possa risorgere dalle sue ceneri giovane e forte.

Con l'avvento del cristianesimo la celebrazione di questa figura andò incontro a una sorte comune a molte pratiche pagane: fu osteggiata e in alcuni casi bollata come frutto di influenze sataniche, cosa che probabilmente condusse all'idea che fosse una strega.

Un vescovo, Epifanio di Salamina (310-403 d.C. circa), si batté per impedire la condanna di questo tipo di riti, ed era favorevole, invece, per assimilarli, previa ripulitura di alcuni elementi pagani e favolistici, nella religione cristiana.

Quando la posizione di Epifanio fu accolta, la festa che celebrava la vecchia signora fu associata a quella dell'Epifania. Secondo una versione religiosa del suo mito, era una vecchia donna alla quale i Magi chiesero indicazioni per raggiungere Gesù.

Si racconta, infatti, che Gaspare, Melchiorre e Baldassarre, in viaggio verso Betlemme, incontrarono una vecchia e le chiesero indicazioni sulla strada da percorrere.

Avuta la risposta, le chiesero di unirsi a loro, ma lei declinò l'invito. Subito dopo, pentita di non essere andata con loro, preparò un cesto di dolci da portare in dono e si mise a cercarli senza riuscirci.

Bussò a ogni porta lungo il proprio cammino, donando dolciumi ai bambini che incontrava nella speranza che fra loro ci fosse il piccolo Gesù. Da allora, per farsi perdonare, gira per il mondo portando dolciumi a tutti i bambini.

Il suo aspetto

Il suo aspetto, col viso grinzoso e pochi denti, un naso prominente e schiena ricurva, si deve alla raffigurazione simbolica dell’anno vecchio, che ci si appresta a morire. Per ripararsi dal freddo, la vecchia indossa gonne lunghe e rattoppate e un grembiule. Usa, infine, calzettoni pesanti e scarpe comode, ma non stivali. Sulle spalle, a volte ingobbite, ha sempre uno scialle di lana pesante e tutto colorato.

Niente cappello da strega come spesso erroneamente si rappresenta la befana, ma solo uno scialle annodato di stoffa pesante (la cosiddetta pezzóla) o uno sciarpone di lana.

Non è chiaro quando l'iconografia abbia inserito la scopa, ma è probabile che si tratti di un'aggiunta avvenuta nel Basso Medioevo, in riferimento all'idea della pulizia e in senso più ampio della purificazione in vista della nuova stagione

La befana fascista

Nel 1928, il regime fascista introdusse la festività della befana fascista, (poi nota anche come befana del duce o Natale del duce): l’occasione per distribuire regali ai bambini delle classi più povere.

Lo scopo era ovviamente quello di dare visibilità ai fasci femminili e all’opera nazionale del dopolavoro, tanto che l’ideatore Augusto Turati ordinò alle Federazioni provinciali del Partito Nazionale Fascista (PNF) di sollecitare in occasione della festa donazioni ai commercianti, agli industriali e agli agricoltori, la cui gestione era affidata alle organizzazioni femminili e giovanili fasciste.

"La befana vien di notte con le scarpe tutte rotte col cappello alla romana viva viva la befana!"

Dott. Francesco Russo

BREVE PROFILO DI FRANCESCO RUSSO
Francesco Russo, consulente di marketing e consulente esperto in economia dell'attenzione e distrazione. Ha iniziato ad occuparsi di comunicazione nel 1999. Quell'anno si appassiona al mondo del web e della comunicazione preparando una tesina per l'esame di maturità.

Il 1° febbraio 2010 fonda BrioWeb, agenzia di marketing e comunicazione operante in tutta Italia e all'estero con base a Venezia.

In occasione del decennale di BrioWeb fonda la rivista di marketing "Eclettica Magazine" (100% gratuita) e da vita ad una collana di e-book di marketing anch'essa completamente gratuita.

Nel corso della sua lunga carriera è sempre stato ispirato dal concetto del "tutto è connesso", sviluppando un approccio al marketing "olistico", che lo ha portato a divenire autore di articoli, libri, relatore ufficiale di SMAU, dell'Hospitality Day, e di molte altre manifestazioni di livello nazionale ed internazionale.

Nel 2006, dopo un ciclo di incontri dedicato al cyberbullismo che lo ha portato a visitare una serie di scuole medie superiori venete, ha iniziato ad interessarsi al fenomeno dell'economia dell'attenzione e di conseguenza dell'economia della distrazione.

Oggi è considerato un esperto di stress, ansia, esaurimento cognitivo, insonnia, workhaolism, burnout, information overload, infodemia, nomofobia, multitasking, fake news, sharenting, smombies e phubbing, che lo portano ad erogare consulenze e corsi nelle aziende di tutta Italia.

In evidenza

Francesco Russo, consulenze per gestire gli effetti negativi dell'economia dell'attenzione, workhaolism, burnout, information overload, nomofobia, multitasking, stress e infodemia, attraverso la metacognizione per il benessere digitale

Andata esaurita la prima edizione nel primo mese dalla pubblicazione, scopri come difenderti dalla manipolazione, dai pericoli della distrazione grazie alla metacognizione clicca qui

Fissa un appuntamento
Francesco Russo, consulenze per gestire gli effetti negativi dell'economia dell'attenzione, workhaolism, burnout, information overload, nomofobia, multitasking, stress e infodemia, attraverso la metacognizione per il benessere digitale

Consulenze sugli effetti negativi dell'economia della distrazionie e sulle nuove dipendenze

Consulenze sugli effetti negativi dell'economia della distrazionie e sulle nuove dipendenze

Bacheca

Fissa un appuntamento
hai tutta la mia attenzione!

Cliccando sul logo del servizio Calendly, puoi fissare un appuntamento nel giorno e nell'ora che ti sono più utili. Una volta che avrai fissato l'appuntamento ti invierò una e-mail attraverso la quale potremmo metterci d'accordo se preferisci che ci vediamo in presenza o on-line. Non esitare a fissare un appuntamento. Incontrarsi è sempre un'occasione di crescita e soprattutto non costa nulla (anche perché è gratuito!).

Le mie collaborazioni

Attenzione e concentrazione
l'oro del XXI° secolo

"Grazie allo sviluppo della metacognizione, possiamo migliore la nostra attenzione e la nostra concentrazione, che sono gli ingredienti base per raggiungere lo stato di flusso, che ci permette di resistere al canto delle sirene della distrazione.
Grazie allo stato di flusso sviluppiamo la creatività, la base per l'innovazione, che permette la crescita di un business ed il miglioramento personale."

Francesco Russo

Un libro di successo

Viviamo in un momento storico che getta ognuno di noi in una vera e propria tempesta perfetta, che offre, come mai prima, a manipolatori ed imbonitori tantissime occasioni.
Ma quanto noi contribuiamo ad offrire occasioni ghiotte a questi ultimi? Lo racconta Francesco Russo nel suo nuovo libro.

"Burattini per scelta?" non è il primo libro dedicato a fenomeni come la dipendenza da smartphone e le fake news.

Ma è il primo libro che presenta ed analizza la radice comune di fenomeni che sembrano fra loro distanti, come, la distrazione, lo stress, l'ansia, l'esaurimento cognitivo, l'insonnia, il workhaolism, il burnout, l'information overload, l'infodemia, la mindfulness, la nomofobia, il multitasking, lo sharenting, gli smombies, il phubbing, il doomscrolling, il doomsurfing, il vamping.

Acquista il libro autografato con lo sconto del 10%.
Le spese di spedizione sono incluse!

Francesco Russo, consulenze per gestire gli effetti negativi dell'economia dell'attenzione, workhaolism, burnout, information overload, nomofobia, multitasking, stress e infodemia, attraverso la metacognizione per il benessere digitale

Acquista il libro sul sito dell'editore
Clicca qui

Acquista il libro su Amazon
Clicca qui

Iscriviti a "Pillole d'attenzione" e diventa un "Guardiano dell'attenzione"!

Clicca qui

Risorse

Seguimi sui social

Francesco Russo, consulenze per gestire gli effetti negativi dell'economia dell'attenzione, workhaolism, burnout, information overload, nomofobia, multitasking, stress e infodemia, attraverso la metacognizione per il benessere digitale. Francesco Russo, consulenze per gestire gli effetti negativi dell'economia dell'attenzione, workhaolism, burnout, information overload, nomofobia, multitasking, stress e infodemia, attraverso la metacognizione per il benessere digitale. Francesco Russo, consulenze per gestire gli effetti negativi dell'economia dell'attenzione, workhaolism, burnout, information overload, nomofobia, multitasking, stress e infodemia, attraverso la metacognizione per il benessere digitale.
Francesco Russo, consulenze per gestire gli effetti negativi dell'economia dell'attenzione, workhaolism, burnout, information overload, nomofobia, multitasking, stress e infodemia, attraverso la metacognizione per il benessere digitale.
Francesco Russo, consulenze per gestire gli effetti negativi dell'economia dell'attenzione, workhaolism, burnout, information overload, nomofobia, multitasking, stress e infodemia, attraverso la metacognizione per il benessere digitale.

Contatti e recapiti

FocalizzaTI
Dott. Francesco Russo - Esperto in economia dell'attenzione


Recapiti
Tel.: +393515550381
E-mail: info@focalizzati.eu
PEC: brioweb@pec.it
Telegram: @focalizza

Orario Ufficio
Lunedì
dalle 15.00 alle 19.30
Da martedì a giovedì
dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 19.30
Venerdì
dalle 10.30 alle 13.00

Informativa sulla Privacy | Powered by BrioWeb

Ⓒ1999 - Dott. Francesco Russo
C.F. e P.IVA 03853870271

Seguimi sui social

Francesco Russo, consulenze per gestire gli effetti negativi dell'economia dell'attenzione, workhaolism, burnout, information overload, nomofobia, multitasking, stress e infodemia, attraverso la metacognizione per il benessere digitale. Francesco Russo, consulenze per gestire gli effetti negativi dell'economia dell'attenzione, workhaolism, burnout, information overload, nomofobia, multitasking, stress e infodemia, attraverso la metacognizione per il benessere digitale. Francesco Russo, consulenze per gestire gli effetti negativi dell'economia dell'attenzione, workhaolism, burnout, information overload, nomofobia, multitasking, stress e infodemia, attraverso la metacognizione per il benessere digitale.
Francesco Russo, consulenze per gestire gli effetti negativi dell'economia dell'attenzione, workhaolism, burnout, information overload, nomofobia, multitasking, stress e infodemia, attraverso la metacognizione per il benessere digitale.
Francesco Russo, consulenze per gestire gli effetti negativi dell'economia dell'attenzione, workhaolism, burnout, information overload, nomofobia, multitasking, stress e infodemia, attraverso la metacognizione per il benessere digitale.

FocalizzaTI
Dott. Francesco Russo - Esperto in economia dell'attenzione


Recapiti
Tel.: +393515550381
E-mail: info@focalizzati.eu
PEC: brioweb@pec.it
Telegram: @focalizza

Orario Ufficio
Lunedì
dalle 15.00 alle 19.30
Da martedì a giovedì
dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 19.30
Venerdì
dalle 10.30 alle 13.00

Informativa sulla Privacy | Powered by BrioWeb

Ⓒ1999 - Dott. Francesco Russo
C.F. e P.IVA 03853870271